United World Project

Watch

Prophetic Economy: un’iniziativa per costruire una rete di “Change makers”

 
18 giugno 2018   |   , ,
 

Sette organizzazioni di paesi diversi hanno dato vita a “Prophetic Economy”, un progetto che cerca di raccogliere e dare visibilità a idee e buone pratiche economiche orientate allo sviluppo umano integrale e alla sostenibilità.

Consapevoli della crisi ecologica e sociale che affronta il nostro pianeta, centinaia di persone in tutto il mondo agiscono costantemente per trovare soluzioni creative a questi grandi problemi e lo fanno, nel loro quotidiano, attraverso azioni grandi e piccole. Azioni che però, spesso, nascono, crescono e muoiono in totale isolamento.

“Insieme possiamo fare molto di più”, è uno dei motti proposti da Prophetic Economy, un’iniziativa che cerca di creare reti di collaborazione tra tutti coloro che, nel proprio contesto, lavorano a favore dello sviluppo umano, indipendentemente da età, nazionalità e credenze.

L’evento principale di Prophetic Economy si terrà a Castel Gandolfo, in provincia di Roma (Italia), dal 2 al 4 novembre 2018. Coinvolgerà esperti di vari campi, come Jeffrey Sachs, economista e saggista nordamericano, uno dei maggiori esperti mondiali in materia di questioni ambientali e sostenibilità, o come Luigino Bruni, economista italiano di fama mondiale e coordinatore internazionale del progetto Economia di Comunione.

«L’esperienza» afferma Florencia Locascio, coordinatore generale di Prophetic Economy «si rivolge a tutte le persone, le organizzazioni e le aziende che stanno proponendo soluzioni sostenibili e creative al problema della povertà, della disuguaglianza, della crisi sociale e ambientale che stiamo vivendo. Vogliamo identificare i change-makers, gli “innovatori”, per dare loro visibilità».

Durante l’evento, oltre workshop, attività di intelligenza collettiva, scambi e conferenze di personalità ed esperti internazionali, si terrà la premiazione del concorso “Prophetic practices award 2018”. Un concorso che intende premiare, dare visibilità e mettere in contatto, esperienze già esistenti di “economia profetica”, tutte quelle “buone pratiche” già in corso e che contribuiscono al bene comune.

Al concorso, come all’evento, possono partecipare aziende, organizzazioni e persone di età compresa tra i 9 e i 99 anni.
Paolo Matterazzo, responsabile della comunicazione della Comunità di Nomadelfia spiega: «Gli adolescenti, le nuove generazioni hanno qualcosa di importante da dire, e contribuiscono fin d’ora con forte slancio portando esempi concreti molto stimolanti».

I primi tre vincitori del concorso, riceveranno un premio in denaro e saranno anche invitati a presentare i propri progetti durante l’evento di novembre. Anche i primi dieci classificati avranno l’opportunità di presentare le loro buone pratiche. La scadenza del concorso è prevista per il 1° agosto.

Per maggiori informazioni consultare il sito: propheticeconomy.org.

SHARE: