United World Project

Watch

Esperienza di volontariato nei campi dei rifugiati in Giordania

 
18 Giugno 2016   |   , ,
 

Siamo giovani con background differenti, disposti ad acquisire le competenze e le conoscenze per agire per difendere il diritto alla libertà di espressione, nonché desiderosi di essere coinvolti nella produzione di documentari che mirano a raccontare le storie di vita dei rifugiati. Incontreremo i profughi che scappano dal conflitto siriano ed iracheno e che trovano riparo in Giordania.; sperimenteremo in modo straordinario la preziosità della reciprocità al fine di offrire un insieme di idee, di contributi culturali, ma anche le esperienze esistenziali e costruttive, grazie alla visita ai rifugiati giordani campi.

Documenteremo e registreremo le storie personali e la vita quotidiana nei campi profughi, ascoltando le loro difficoltà sia durante il loro tragitto che dopo l’arrivo nel territorio dell’UE, con lo scopo di fornire all’opinione pubblica più informazioni per comprendere il fenomeno dei flussi e sensibilizzare le coscienze.

Questa attività si inserisce all’interno di un progetto finanziato dalla Comunità Europea (programma Erasmus + ) chiamato “HOST SPOT”. Il titolo scelto riflette i due aspetti del progetto. Si gioca sul concetto europeo di ‘approccio Hotspot’ – termine dell’UE per indicare quei punti di arrivo di prima accoglienza per i rifugiati dove avviene la distinzione con i migranti economici – e la parola spot, una breve presentazione commerciale in televisione o radio tra i principali programmi, visto che il progetto prevede la realizzazione di un video-documentario.

Le altre attività previste saranno:

          un corso di formazione che si terrà in Turchia il prossimo ottobre al fine di migliorare le capacità giornalistiche di report e storytelling dei partecipanti, per la promozione dei diritti umani ed in particolare della libertà di espressione

          un altro in Germania nel marzo 2017 con l’obiettivo di sviluppare competenze tecniche nella produzione di documentari sociali, grazie alle immagini raccolte nelle prime esperienze; allo stesso tempo ci sarà modo di incontrare i rifugiati nei campi profughi tedeschi e fare una comparazione tra diversi sistemi di accoglienza.

SHARE: