Pathways for a United World

Ed eccoli seguire le più varie “vie” per cooperare a comporre l’unità nel mondo. Hanno perciò, secondo le loro possibilità e le esigenze dei loro ambienti, ricucito strappi, annullato divisioni, si sono gettati nei più disparati spacchi, che mettono uomo contro uomo,  gruppo contro gruppo:hanno seguito la via dell’unità fra i popoli, fra le razze, fra ricchi e poveri, fra le varie etnie, fra le generazioni… Ed è stato un fiorire meraviglioso efecondo d’azioni costanti quotidiane, impegnate.
Chiara Lubich, al Genfest 1990

Se ci guardiamo intorno, il mondo appare sempre più ferito da disuguaglianze, conflitti, violenze, disastri ambientali, corruzione… Con Pathways for a United World proponiamo un cammino che, un passo dopo l’altro, contribuisca a costruire un mondo più unito. Come? Ponendo alla base di ogni aspetto della vita umana la fraternità e la reciprocità, così come suggerito dall’itinerario formativo e d’azione: “Molte vie per un mondo unito”.

Un po’ di storia

In occasione della nascita dei Y4UW, nel 1985, Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari, offrì a quei giovani una strategia per raggiungere il mondo unito, la loro mèta. La chiamò “Molte vie per un mondo unito” e, con essa, proponeva di seguire tutte le possibili strade che potevano portare all’unità, realizzando micro e macro iniziative, rinnovando le strutture della società dando a esse un’anima: l’amore evangelico.

Molte vie per un mondo unito suggeriva anche alcune piste d’azione, aprendo un ventaglio di strade per concorrere a comporre l’unità nel mondo: la via della cultura del dare, dell’accoglienza all’altro, della pace, dell’unità tra l’uomo e la natura, del rispetto della vita, dell’armonia sociale, etc. Per approfondire.

Oggi

A questa strategia si ispira Pathways for a United World, un percorso mondiale pensato in 6 anni, durante il quale, un anno alla volta, approfondiremo e vivremo una “via” diversa a livello globale:

La Settimana Mondo Unito sarà il punto di arrivo e di partenza di tutto il percorso. Ogni anno, un continente diverso raccoglierà e diffonderà quanto vissuto in tutto il mondo, per poi lanciare la via successiva. Speriamo così di contribuire a raggiungere i Global Goals, i 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile di Agenda 2030, un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU.

Pathway of economy, work and communion
from an econo-my to an econom-all

Tutto è connesso e, all’inizio di questo terzo millennio, appare sempre più evidente il ruolo chiave giocato dall’economia e dalla finanza a livello globale. Molti dei problemi che affliggono il nostro pianeta sono frutto di un sistema economico ingiusto che, invece di rimettere al centro l’essere umano e il creato, venera il dio denaro. Noi sogniamo un mondo in cui nessuno sia più nel bisogno e tutti abbiano la possibilità di sviluppare pienamente il proprio potenziale umano, spirituale, economico e lavorativo.
Ma il mondo comincia a cambiare se cambiamo noi stessi, mettendoci in gioco: siamo noi il primo fattore di cambiamento.

Obiettivo

Che nessuno sia nel bisogno.

Motto

Ci impegniamo a vivere la comunione dei beni, con azioni personali e collettive per rispondere alle forti disuguaglianze che esistono nel mondo. Vogliamo essere promotori di una nuova cultura: la cultura del dare nella reciprocità. Tutti abbiamo qualcosa da dare: beni, talenti, utili, tempo e anche bisogni. Tutti possiamo lavorare per sviluppare i nostri talenti e nuovi beni per la crescita di tutti.

Piste di Azione

Per contribuire a un cambiamento dell’economia e conseguentemente della società, partiamo dal nostro agire personale, proponendo cambiamenti collettivi che aiutino a curare le povertà di oggi e a evitare quelle di domani:

Povertà: ci impegniamo a guardarci attorno, a lasciarci interpellare dalle disuguaglianze sociali che abitano il nostro territorio e ad agire concretamente curando le povertà di oggi e evitando quelle di domani;

Lavoro e Produzione: ci impegniamo e chiediamo che il lavoro e la produzione economica avvengano nel rispetto dei diritti umani, del bene comune, della natura;

Consumo: viviamo e proponiamo un consumo responsabile e critico;

Risparmio e Investimento: ci impegniamo a vivere e promuovere una finanza etica.

Approfondimenti

Presto, sarà possibile scaricare alcuni contributi utili per partecipare a Pathways for a United World.

  • LEARN Itinerario formativo
  • EXPLO Le esperienze di Pathway to UW
  • HANDS4HUMANITY Piste di azione
SHARE: