United World Project

Workshop

Amare oltre il confine

 
28 Febbraio 2020   |   Turchia, Accoglienza Migranti, Erasmus +
 
Di Alexander Simoen

Esperienza di un gruppo di giovani provenienti da Scozia, Italia, Colombia, Algeria, Belgio, Cina e Argentina che hanno visitato la Turchia e che hanno trascorso del tempo con la gente del posto e i rifugiati, rappresentando l’ONG New Humanity.

Siamo Danila, Yang Li, Alexander, Alfonso, Amine, Jorge, Daniel e Valentina, un gruppo di persone provenienti da paesi e background molto diversi. Cosa ci unisce? Siamo compagni di classe dell’Istituto Universitario Sophia, a Loppiano, un piccolo paese della Toscana. Insieme, e in rappresentanza dell’Ong New Humanity, abbiamo avuto l’opportunità di andare in Turchia per vedere il Paese e per conoscere meglio la realtà dei rifugiati e della gente del posto.

La Turchia è il Paese europeo più vicino alle regioni di conflitto e accoglie le prime ondate di rifugiati. Abbiamo imparato che una delle maggiori sfide per le autorità locali è quella di aiutare i rifugiati siriani senza creare o evitando di creare tensioni o sentimenti di privazione con la popolazione locale.

La cultura turca è molto diversa da quella europea. Per esempio, il popolo turco saluta in modo diverso. La gente di Sanliurfa – una delle città in cui è andata – ama mangiare, ama il riso, il cibo piccante, lo yogurt e molta carne. Quando cammini per strada la gente ti offre del cibo per assaggiarlo. I turchi sono molto accoglienti e sempre pronti ad aiutarti e a regalarti un sorriso.

Venire qui a Sanliurfa, una città di 2,5 milioni di persone, di cui mezzo milione di rifugiati siriani, ci ha dato la possibilità di vedere in prima persona la realtà dell’accoglienza turca dei rifugiati. In Europa sentiamo spesso parlare della situazione attraverso i media, ma essere qui ci dà nuovi spunti e una migliore comprensione della situazione. Abbiamo avuto la possibilità di incontrare le persone senza alcun filtro. Incontriamo i funzionari, andiamo in una scuola, andiamo a trovare le famiglie e abbiamo anche alcuni studenti siriani nel nostro gruppo.

In queste occasioni abbiamo imparato come lo Stato turco lavora con i rifugiati. Abbiamo visto che i bambini in alcune occasioni hanno la possibilità di andare a scuola o che le famiglie ricevono aiuto per l’alloggio e anche che molte persone lavorano nel campo dell’iscrizione del popolo siriano. Considerando l’entità del problema è chiaro che c’è molto da fare, naturalmente, e che rimangono molte difficoltà nel dare la migliore accoglienza possibile ai rifugiati. Ma ci è apparso chiaro che il governo turco sta facendo un enorme sforzo per fare quello che può.

La realtà dei rifugiati

Jorge e Amine hanno avuto la possibilità di andare in un orfanotrofio. Non avevano molte risorse, Jorge non aveva la stessa lingua o lo stesso background culturale, ma abbiamo imparato che con un abbraccio e la nostra piena e sentita attenzione potevamo essere loro completamente amici. Ci chiamavano ‘Amu’, che in arabo significa zio. Prima di lasciare il direttore del centro, e i bambini ci hanno chiesto se potevamo tornare di nuovo, insistendo sul fatto che i bambini hanno bisogno di affetto e di un contatto caloroso, soprattutto da parte degli uomini. È stato difficile per noi lasciare questi bambini che facilmente si sono conquistati un posto nel nostro cuore”.

Daniel, dalla Scozia, ha avuto l’opportunità di incontrare i rifugiati siriani che hanno vissuto l’esperienza di essere costretti a lasciare la loro patria, e ha riassunto ciò che ha imparato:

Parlando da europeo, l’immigrazione e i rifugiati sono questioni molto pubblicizzate. Ho sentito che è diventata una normalità e quindi sono diventato un po’ desensibilizzato al problema. È diventato anche un tema politico scottante, e così la discussione è ulteriormente allontanata dalla sua dimensione umana. È un argomento spesso inquadrato in termini di impatto negativo che i migranti hanno sulla società di accoglienza e di quanto aiuto finanziario inviare.

Questa settimana abbiamo avuto l’opportunità di conoscere alcuni rifugiati che fanno parte del gruppo del progetto. Hanno condiviso la loro esperienza molto apertamente, e abbiamo potuto sentire, sentire e vedere il disorientamento di perdere la propria casa, il dolore di essere separati dai familiari, e l’incertezza dei loro lunghi viaggi per trovare sicurezza in Turchia. Siamo rimasti colpiti dal fatto che ognuno dei nostri nuovi amici ha provato un forte senso di gratitudine per la relativa sicurezza che hanno trovato in Turchia, e fortunatamente sono riusciti a costruirsi una vita nella loro nuova città, eppure i ricordi e le cicatrici della guerra rimangono.

Abbiamo anche potuto visitare le famiglie dei rifugiati. Ho visitato una madre e i suoi quattro figli piccoli, il padre è scomparso da 5 anni e quindi i bambini devono lavorare e andare a scuola, i bambini hanno avuto problemi ad essere accettati dai bambini del posto e ora la madre è riluttante a lasciarli giocare all’aperto… hanno una casa in cui vivere e cibo da mangiare, e hanno fatto eco al messaggio di gratitudine verso la Turchia che li ha accettati. Eppure abbiamo visto in prima persona la povertà, la realtà schiacciante di una città di 2 milioni di abitanti con 600.000 rifugiati.

Mi ha colpito il fatto che, anche se sembrano poveri e rotti e lontani da casa, quando sono insieme sono completi, nei sorrisi dei fratelli e delle sorelle che si affidano l’uno all’altro per questo trauma condiviso sono in qualche modo interi.

Ho visto una grande dignità nella gratitudine di questa famiglia per il fatto che vivono e stanno insieme, e la loro fede di non essere soli nella loro lotta. In questo momento ho sentito una grande povertà in me stesso e nella mia cultura, per la quale tutto non sarà mai abbastanza. Il dono della perseveranza e dell’umiltà è un dono che cercherò di portare a casa in una cultura ossessionata dalla salvezza sotto forma di cose materiali. Questo non significa che l’aiuto non sia un vero dono, ma che l’umanità si realizza nella cura reciproca e nell’amore.

Le istituzioni ufficiali danno il benvenuto ai rifugiati

Per quanto riguarda gli incontri con i funzionari della pubblica amministrazione con i quali abbiamo parlato direttamente dei processi istituzionali di accoglienza, alla popolazione siriana rifugiata in territorio turco, abbiamo visto una grande trasparenza da parte delle istituzioni ufficiali, abbiamo avuto accesso a luoghi riservati. Anche se la maggior parte del processo prevede l’iscrizione delle persone e l’integrazione nel sistema sociale e lavorativo, le parole che abbiamo sentito più spesso sono state empatia e dignità. È stato incoraggiante e ci ha dato speranza sentire il sindaco di Sanliurfa parlare di aiutare e accogliere i rifugiati siriani per amore.

La sfera culturale e religiosa influenza la dimensione amministrativa e politica, e in questo caso dà una forte enfasi all’empatia nel lavoro di ascolto delle storie delle vittime per dar loro dignità e accoglierle “perché nel loro volto c’è il volto di Allah (Dio)”. Così abbiamo trovato in questa esperienza con i funzionari un messaggio per i funzionari statali di altre parti del mondo, concentrandoci sull’empatia con le storie degli altri e riconoscendole, o “taninma” come si dice, per aiutare tutti in modo efficace.

Abbiamo imparato quanto sia importante mettersi nella situazione della società turca, il 20% degli abitanti di Sanliurfa sono rifugiati. Abbiamo imparato che si stanno intraprendendo molte azioni, naturalmente si potrebbe fare di più al di là del sostegno materiale, per esempio nel campo della formazione e dell’accompagnamento.

SHARE: