United World Project

Workshop

Il male non avrà l’ultima parola

 
22 Marzo 2022   |   Ucraina, Accoglienza Migranti, Città Nuova
 
Di Redazione Città Nuova

Il racconto di una lettrice che abita vicino al confine Fernetti con la Slovenia. L’abbraccio di un’intera comunità ai profughi ucraini.

Abito a pochi chilometri dal confine dove stanno arrivando i profughi ucraini. Mi domandavo cosa potevo fare e, prima di tutto, volevo vedere come era stata impostata l’accoglienza nello stesso locale/hotel dove anni prima insegnavo italiano come volontaria ai profughi afgani e pakistani.

Incoraggiata durante la telefonata, sabato 5 marzo vado sul e posto scopro che alcune persone avevano iniziato ad accogliere le persone in arrivo per poter usufruire dei bagni e offrire un the e caffè caldo, acqua, succhi, dolci, mele, peluche e giocattoli…

I pullman appena entrati vengono fermati per il controllo dei passeggeri che solo dopo sono autorizzati a scendere e sostare per un pò.

Mentre la provvidenza si è messa in moto, in un modo splendido polizia, carabinieri, Unicef, Protezione civile e Agenzia Onu per i rifugiati svolgono ruoli diversi ma importantissimi.

Chi conosceva il gestore dei locali, come me, si è messo subito a disposizione e si è formato con lui un gruppo di persone con un passaparola incredibile che danno 24 ore su 24 la loro disponibilità: chi sa parlare ucraino, russo, inglese, chi porta le cose che servono, chi mette a disposizione tempo e auto per i passaggi: è un continuo riempirsi di beni che escono conditi da sorrisi e dalla parola grazie in tante lingue…

Continua a leggere l’articolo su:

SHARE: