United World Project

Workshop

Il Papu Kafé

 
 

A Choceň, un piccolo centro di circa 10.000 abitanti, nella parte nord orientale della Repubblica Ceca, si trova il PAPU kafé, un’impresa per il bene comune, sorta all’interno del Centro Familiare Kaminek. Di che cosa si tratta? Ce lo racconta in un’intervista, Ludmila Barborková, coordinatrice per la Repubblica Ceca e per la Slovacchia del progetto di Economia di Comunione e dell’incubatore internazionale d’impresa EoC-iin.

Ludmila, per cominciare, cos’è esattamente il Papu Café?

Potrei rispondere a questa domanda in molti modi. Per esempio, il Papu Kafé è un luogo per tutti a Choceň e dintorni, specialmente per le famiglie. È una caffetteria, con un parco giochi per bambini! Potete venire a PAPU per un ottimo caffè e dolci fatti in casa, per passare del tempo con gli amici e la famiglia, per una breve sosta per dar da mangiare al tuo bambino o cambiargli il pannolino. PAPU è un ambiente accogliente, piacevole e familiare in pieno centro.

Facendo un passo indietro, vorremmo conoscere la protagonista che c’è dietro quest’attività imprenditoriale, cioè tu!

Ho 29 anni e due figli maschi (uno di 3 e l’altro di 1 anno). Prima di andare in congedo di maternità, lavoravo come consulente finanziaria per aziende in difficoltà. Si tratta ovviamente di un’esperienza molto utile, alla quale continuo ad attingere.

Il Papu Kafè fa parte del Centro Kaminek per la Famiglia. Puoi dirci qualcosa di più al riguardo?

Nella Repubblica Ceca, i centri per le famiglie e per le madri sono nati negli anni ’90 dopo la Rivoluzione di Velluto. A Choceň, il Centro per le famiglie Kaminek è stato fondato nel 2008. In questo paese, i genitori (soprattutto le donne) rimangono di solito in congedo di maternità con il figlio per tre anni. I centri per la famiglia sono luoghi in cui le madri possono trascorrere del tempo con i loro figli in un ambiente socializzato, ed è un efficace strumento di prevenzione contro l’isolamento sociale. Tra i servizi offerti dal Centro, offriamo una consulenza psicologica nel rispetto della riservatezza (4 ore alla settimana). Inoltre, ogni mattina le madri possono venire con i loro figli per un programma speciale che include esercizio fisico, canto e danza. Spesso si tengono conferenze su un tema specifico, seguite da un momento di condivisione delle loro gioie e preoccupazioni. Organizziamo programmi educativi e di formazione su vari argomenti, ad esempio come accompagnare la crescita dei figli o come migliorare le capacità di comunicazione. Inoltre, organizziamo sessioni di esercizi per donne in gravidanza e altre attività preparatorie prenatali. La missione del nostro centro è promuovere la comunione tra le persone e costruire la fiducia.

Cerchiamo davvero di essere lì per tutti e di creare comunione. Per esempio, una donna bulgara si è trasferita qui con il marito ceco. Quando è arrivata, non conosceva nessuno in città. Dato che conoscevo suo marito, le ho offerto un lavoretto che consisteva nel preparare il caffè a PAPU. Quando è rimasta incinta ha seguito i nostri programmi, e ora frequenta le sessioni del mattino con il figlio! Adesso il bambino ha due anni e a settembre lei ha iniziato a insegnare l’inglese ad altre madri, perché la sua professione è insegnante di inglese. Ha trovato dei nuovi amici e una nuova comunità. Esperienze come questa mi motivano e mi danno forza e la voglia di fare di più.

Come è nata l’idea di aprire un caffè?

Due anni fa, l’équipe del Centro Kaminek ha deciso di trasferirsi dalla sua sede originaria in periferia, in una sede più grande nel centro della città, per poter offrire una gamma più ampia di attività ed essere più facilmente raggiungibile. Questo però comportava anche un aumento dell’affitto, così è nata l’idea di aprire una caffetteria. A quel punto mi ha contattato la direttrice del Centro, Katerina Jindrova, e mi ha chiesto se volevo collaborare con lei per realizzare questo sogno.

Quindi il PAPU Café è un progetto del Centro Kaminek. È tutto strettamente interconnesso. Il PAPU Café si trova all’interno del Centro Kaminek. Grazie al trasferimento del Centro e all’apertura del PAPU Café, il locale è frequentato da molte famiglie e dal pubblico in generale. Organizziamo anche gite, serate musicali e dibattiti su temi specifici come il vivere sano, il benessere psicologico e le problematiche legate all’educazione. Un nuovo ampliamento del PAPU Café permette ai genitori di seguire le lezioni mentre i loro figli possono giocare in tutta sicurezza nell’apposita sala giochi.

Qual è il tuo ruolo qui?

Sono responsabile della caffetteria e della contabilità. Il Kaminek Family Center è un’organizzazione senza scopo di lucro, dipendiamo dalle donazioni dello Stato, della Regione e del Comune. Per questo, continuiamo a migliorare i nostri servizi, cerchiamo anche di diventare meno dipendenti dalle donazioni, trovando nuovi modi per raccogliere fondi. Ad esempio, quest’estate abbiamo iniziato a offrire servizi di catering di caffetteria durante i festival e per aziende private. Questa è un’attività che vorremmo continuare. Stiamo lavorando per garantire la sostenibilità del nostro Centro e mantenere bassi i prezzi dei nostri servizi in modo che siano accessibili a tutti.

Potresti descrivere una tipica giornata al tuo Centro?

Sì, con piacere! Al mattino (alle 8), il nostro staff arriva al Centro per fare le pulizie e allestire tutto per essere pronti ad aprire alle 9.00. Quasi ogni giorno, anche i programmi per bambini iniziano alle 9. Sono divisi per fasce d’età: 3-6 mesi, 6-12 mesi, 1 anno, 2-3 anni, e includono filastrocche, poesie, canzoni, ecc. Le madri rimangono con i loro figli nel Centro fino all’ora di pranzo, quando di solito tornano a casa. La caffetteria rimane aperta per il resto della giornata, e le famiglie della città vengono a passare del tempo insieme agli amici e ad altre famiglie. Diverse volte alla settimana offriamo un programma di formazione, psicologico o culturale aperto al pubblico.

Per saperne di più sul Papu Café e su tutte le sue attività, vi consigliamo di visitare il nostro sito internet (Papu) o la nostra pagina Facebook.

SHARE: