United World Project

Workshop

Giochi indigeni in Brasile

 
27 Novembre 2013   |   , ,
 
Giochi popoli Indigeni brasile

 

Dal 13 al 16 Novembre oltre 1.500 partecipanti provenienti da 48 gruppi etnici brasiliani, così come da più di una dozzina di altre nazioni sono scese a Cuiaba, la capitale dello stato del Mato Grosso, per i giochi degli Indigeni. Tutti i partecipanti hanno ricevuto medaglie scolpite in legno, semi e altri oggetti naturali.

Gli sport più tradizionali sono state vere e proprie  vetrine piuttosto che competizioni. Tra i preferiti dal pubblico: la staffetta con il tronco con nove o più atleti robusti che hanno corso per circa 500 metri intorno ad una arena di terra rossa, portando a turno un pezzo di albero  a 100 kg sulle loro spalle. Il solo arrivare al traguardo è considerata una vittoria. Un altro sport, chiamato xikunahity assomiglia al calcio, ma i giocatori strisciano sul terreno usando la testa per spingere la palla in avanti. ( … )

Capo Willie Littlechild, della nazione Cree e un ex membro del Parlamento del Canada, ha detto che frequentare i giochi è stata “una benedizione perché è la possibilità di vedere che c’è una cultura così ricca tra i popoli indigeni di tutto il mondo”. 

I giochi si sono svolti su un parco di 7 ettari, con tende grandi e bianche di plastica che hanno puntellato la zona, tavoli pieni di imbarcazioni, piccole figure in ceramica, ciotole di legno, stoffa intessuta e strumenti musicali intagliati delicatamente allo scopo di imitare le canzoni della giungla.

La sicurezza alimentare è uno dei temi principali della manifestazione di quest’anno e i gruppi etnici provenienti da tutto il Brasile hanno incoraggiato lo scambio di semi anche sconosciuti.

Amelia Reina Montero, del gruppo etnico Nahua del Messico al suo primo viaggio in Brasile, ha riassunto lo stato d’animo prevalente del raduno dicendo che ha offerto la rara opportunità per i gruppi etnici provenienti dalle Americhe, spesso con contatti limitati con il mondo esterno, di interagire e imparare l’uno dall’altro . “Nonostante il fatto che le nostre lingue sono diverse, che la nostra pelle varia, quello che ci unisce è l’essere un solo cuore” ha detto. 

 


SHARE: